Il matrimonio può fare un bene al cuore per un intervento di bypass


Rispettiamo la tua privacy.

Rispettiamo la tua privacy.

LUNEDÌ, 22 AGOSTO (HealthDay News) - Una nuova ricerca rivela che le persone sposate hanno più del doppio delle probabilità di essere vivi 15 anni dopo l'intervento di bypass coronarico, sebbene i risultati non possano dimostrare che avere un coniuge ha un effetto protettivo

In effetti, i limiti della ricerca etica possono rendere impossibile provare che il matrimonio fa bene alla salute. Tuttavia, lo studio fornisce ulteriori prove del fatto che avere un compagno a lungo termine è un bene per te, ha detto il co-autore dello studio Harry T. Reis, professore di psicologia all'Università di Rochester.

Negli ultimi anni, un certo numero di studi hanno accennato a diversi apparenti benefici per la salute del matrimonio: potrebbe aumentare leggermente le probabilità di sopravvivenza del cancro al colon, per esempio, e potrebbe aiutare a ridurre il dolore nei pazienti con artrite reumatoide.

Il problema è che è difficile sapere con certezza se il matrimonio produce direttamente benefici per la salute. È possibile, ad esempio, che le persone che sono naturalmente più sane abbiano maggiori probabilità di sposarsi, forse perché sono più felici delle persone più malate.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno monitorato cosa è successo a 225 persone sottoposte chirurgia di bypass coronarico dal 1987 al 1990. Complessivamente, 124 pazienti - 55% - sopravvissero per almeno i successivi 15 anni: il 61% dei pazienti sposati e il 30% delle non sposate.

Le probabilità di sopravvivenza post-bypass diminuivano sia per le donne non sposate donne (solo il 26% di esse erano ancora vive alla fine del periodo) e uomini non sposati (solo il 36% erano ancora vivi). Ma l'enorme 83 percento delle donne felicemente sposate e uomini erano ancora in circolazione, lo studio ha trovato.

Tuttavia, c'era un problema: i matrimoni infelici - definiti come quelli in cui i pazienti affermavano di non essere molto soddisfatto - problemi di ortografia per le donne. Solo il 29 percento di quelli in matrimoni infelici è sopravvissuto, mentre il 60 percento degli uomini in matrimoni infelici ha fatto.

Ci sono dei caveat alla ricerca: le grandi differenze tra donne sposate e donne non sposate si sono ridotte significativamente quando i ricercatori hanno adattato le loro statistiche in modo non sarebbero gettati via dalle varie età delle donne. E un minor numero di donne erano nel campione di pazienti, probabilmente influenzando i risultati per loro.

Perché il matrimonio potrebbe essere un bene per il recupero di un paziente? "Il matrimonio ti dà uno scopo nella vita, e sentirti come se avessi una ragione per vivere è una parte importante del fare le cose che devi fare per rimanere in vita", ha detto Reis. "Anche le persone sposate si aiutano a vicenda, si ricordano a vicenda che è ora di prendere le loro pillole e probabilmente mangiano più sano."

Sul retro delle cose, disse, "quando le persone non sono sposate e vivono da sole, è allora che si lasciano davvero andare, specialmente quando hanno 60 o 70 anni e vivono da soli. "

Tuttavia, una vera licenza matrimoniale non è assolutamente necessaria per stare bene, ha sottolineato Reis. C'è "ogni ragione per credere" che le relazioni impegnate a lungo termine abbiano lo stesso effetto, ha detto.

Perché questo studio è importante? "Questo tipo di ricerca può alla fine far luce su alcuni meccanismi alla base dell'associazione tra matrimoni di alta qualità e salute, che a sua volta può informare iniziative e politiche sanitarie", ha detto Jennifer Barsky Reese, ricercatrice nel rapporto matrimonio-salute e un postdoctoral fellow presso il Dipartimento di Psichiatria e scienze comportamentali della Johns Hopkins University School of Medicine a Baltimora.

Lo studio è pubblicato online il 22 agosto sulla rivista Health Psychology .

Scopri di più sul Everyday Salute Centro di salute del cuore . Ultimo aggiornamento: 22/08/2011 Copyright @ 2017 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

Lascia Il Tuo Commento