Maratoneta a rischio Slim di arresto cardiaco


Rispettiamo la tua privacy. MERCOLEDÌ 11 GENNAIO 2012 (HealthDay News) - Se sei un corridore in buona salute, le tue possibilità di morire da un attacco cardiaco improvviso l'arresto durante una gara è estremamente sottile, un nuovo studio indica. Nell'ultimo decennio, uno dei 259.

Rispettiamo la tua privacy.

MERCOLEDÌ 11 GENNAIO 2012 (HealthDay News) - Se sei un corridore in buona salute, le tue possibilità di morire da un attacco cardiaco improvviso l'arresto durante una gara è estremamente sottile, un nuovo studio indica.

Nell'ultimo decennio, uno dei 259.000 corridori che hanno gareggiato in una maratona americana o mezza maratona è morto, hanno scoperto i ricercatori. E la maggior parte di coloro che sono crollati hanno sofferto di malattie cardiache.

I risultati dovrebbero rassicurare coloro che partecipano allo sport - e molti lo fanno, con oltre 450.000 trimestri statunitensi all'anno, secondo David Watt, direttore esecutivo dell'American Running Association.

Lo studio è iniziato nel 2000, guidato dal Dr. Aaron Baggish, direttore del Cardiovascular Performance Program del Massachusetts General Hospital di Boston. I ricercatori hanno analizzato gli arresti cardiaci subiti tra i concorrenti nelle maratone (26,2 miglia) o nella mezza maratona (13,1 miglia) fino al 2010.

Di quasi 11 milioni di corridori di distanza degli Stati Uniti, 59 hanno avuto un arresto cardiaco, il che significa che il loro cuore ha improvvisamente smesso di battere. Quaranta si sono verificati in piena maratona, e l'età media dei corridori colpiti era di 42. Gli uomini erano a rischio significativamente più elevato rispetto alle donne.

Quarantadue degli arresti cardiaci (71%) sono stati fatali, lo studio, pubblicato nel 12 gennaio numero del New England Journal of Medicine . L'età media di coloro che morirono era 39, rispetto ai 49 per i sopravvissuti agli arresti.

Per lo studio, le statistiche annuali sulla partecipazione alle gare, fornite dall'associazione commerciale Running USA, entrarono in un database. I ricercatori hanno identificato i casi di arresto cardiaco attraverso una combinazione di metodi, tra cui motori di ricerca pubblici e contatti con i direttori di gara.

Hanno intervistato i corridori che sono sopravvissuti all'arresto cardiaco o parenti prossimi e hanno esaminato le cartelle cliniche e i dati dell'autopsia. Questa informazione era disponibile per 31 dei 59 corridori colpiti.

Una condizione chiamata cardiomiopatia ipertrofica era la causa certa o probabile di morte per 15 corridori, hanno determinato. La condizione è la causa più comune di morte cardiaca improvvisa nei giovani atleti.

La cardiomiopatia ipertrofica è essenzialmente un muscolo cardiaco troppo cresciuto, che di solito deriva da alcune anomalie genetiche, ha spiegato il dott. Kirk Garratt, direttore clinico della ricerca interventistica di cardiologia a Lenox Hill Ospedale a New York City.

Nove che morirono di cardiomiopatia ipertrofica avevano condizioni cardiache supplementari, come la malattia delle arterie coronarie ostruttiva, disturbi congeniti e miocardite, un'infiammazione del muscolo cardiaco.

"Un risultato interessante: prevalenza di coronarie La malattia delle arterie era bassa ", ha detto Garratt.

Un corridore è morto per un colpo di calore e un altro di iponatriemia, che può verificarsi quando una persona beve troppo liquido, senza prendere abbastanza sodio. Si presumeva che due morissero per aritmia, un ritmo cardiaco anormale.

Un fattore chiave nella sopravvivenza era la ricezione della rianimazione cardiopolmonare (CPR) dagli spettatori della gara, ha detto Baggish, il cardiologo per la maratona di Boston.

"We" Per la prima volta offriremo la formazione CPR ai corridori quest'anno che vengono a Boston per la nostra maratona ", ha detto Baggish.

Anche la defibrillazione rapida è cruciale, ha detto il co-autore dello studio, il dott. William Roberts, professore di medicina di famiglia all'Università del Minnesota e direttore medico della Maratona di Twin Cities. A quella gara, "sei sempre a un miglio da un defibrillatore", ha detto.

Ogni anno spuntano nuove razze, in particolare la mezza maratona, ha detto Watt. E attirano una razza diversa di corridori.

"Il corridore di oggi è più vecchio, più lento, impegnato ad andare a più eventi, forse non così atletico", ha detto. Alcuni sono corridori "esperienziali" o sociali che vengono per legare, gareggiare per beneficenza o perdere peso.

Nello studio, gli uomini avevano un tasso di arresto cardiaco di 0,16 arresti per 100.000 corridori, quasi il doppio di quello delle donne, ma ancora estremamente piccolo .

Garratt aveva delle riserve sulla metodologia dello studio. "Sono andati a un'agenzia di corsa per il denominatore, poi sono andati a una varietà di fonti, incluse le fonti basate su Internet. Per peggiorare, per circa la metà degli incidenti, non sono stati in grado di ottenere informazioni cliniche complete", ha detto.

Roberts ha riconosciuto che i suoi dati non tenevano conto della preparazione alla maratona. "Come facciamo a sapere quante persone perdiamo con le gare di allenamento più brevi?"

Ha detto che con un condizionamento appropriato, la distanza percorsa "è sicura se ascolti il ​​tuo corpo, se non provi a spingere dolore al torace o mancanza di respiro, o se non ignori fattori come colesterolo molto alto. "

" Tutti i corridori, giovani o vecchi, dovrebbero discutere con i loro medici del loro intento di correre e in quella discussione ci dovrebbe essere una valutazione molto chiara dei fattori di rischio ", ha detto Baggish . Ultimo aggiornamento: 11/11/2012

Lascia Il Tuo Commento