I bassi livelli di vitamina D non incidono su tutte le razze uguali, dice


Rispettiamo la tua privacy. MARTEDÌ, 9 luglio 2013 - Avere bassi livelli di vitamina D può essere dannoso per il cuore, ma tutto dipende dal colore della pelle, secondo un nuovo studio, pubblicato oggi sul Journal of American Medical Association.

Rispettiamo la tua privacy.

MARTEDÌ, 9 luglio 2013 - Avere bassi livelli di vitamina D può essere dannoso per il cuore, ma tutto dipende dal colore della pelle, secondo un nuovo studio, pubblicato oggi sul Journal of American Medical Association. Ricercatori dell'Università di Washington a Seattle hanno scoperto che mentre i caucasici e i cinesi con bassi livelli di vitamina D hanno un aumentato rischio di malattia coronarica, tale rischio non si è tradotto in neri o ispanici.

I ricercatori hanno esaminato i dati su 6.436 persone con un'età media di 62 anni. Hanno scoperto che mentre bassi livelli di vitamina D erano legati a un rischio maggiore del 26% di malattie cardiache nei bianchi e un rischio maggiore del 67% in cinese, lo stesso non si vedeva nei neri e negli ispanici.

"Molti studi sono stati condotti su la vitamina D e la sua associazione con le malattie cardiovascolari, ma sono state per lo più fatte in bianco ", ha detto John Higgins, MD, cardiologo presso l'Università del Texas Health Science Center di Houston. "La domanda è stata se potessimo generalizzare questo ad altre popolazioni, e i ricercatori hanno scoperto che non può".

La vitamina D è immagazzinata dal corpo quando è esposta alla luce solare e si trova anche in alcuni cibi, come il latte, che è spesso fortificato con la vitamina. Tuttavia, le persone con la pelle più scura non assorbono la vitamina D con la stessa facilità di quelle con pelle più chiara, ma questo studio dimostra che potrebbero non avere gli stessi effetti negativi.

Non è chiaro il motivo per cui i neri e gli ispanici sono protetti contro gli effetti della bassa vitamina I livelli di D, ma il dottor Higgins ha detto che la pressione sanguigna è regolata in modo diverso tra alcune razze, che potrebbero svolgere un ruolo.

"La vitamina D è davvero importante per aiutare a regolare la funzionalità renale e la pressione sanguigna", ha detto. "Sappiamo che ci sono differenze nella razza quando si tratta di ormoni che regolano la pressione sanguigna, quindi questo potrebbe essere parte del motivo per cui una mancanza di vitamina D non aumenta il rischio di malattie cardiache."

E mentre chiamava i risultati "ragionevoli", ha detto Higgins, la dimensione del campione per alcune minoranze era troppo piccola rispetto ai bianchi, il che potrebbe aver portato ai risultati.

"I campioni ispanici e cinesi erano abbastanza piccoli rispetto agli altri due, "Ha detto," quindi deve essere confermato in studi più ampi. "

Mentre i risultati indicano che bassi livelli di vitamina D potrebbero non essere pericolosi per neri e ispanici, Higgins ha detto che non ci sono abbastanza informazioni da raccomandare contro la prescrizione di vitamina D supplementi.

"Fino a quando non confermeremo questa scoperta con studi più ampi, probabilmente continuerò a raccomandare integratori di vitamina D per tutte le razze", ha detto. "Ma se altri studi confermano questo, i neri e gli ispanici potrebbero avere un meccanismo protettivo in atto da un aumentato rischio di malattie cardiache." Ultimo aggiornamento: 7/9/2013

Lascia Il Tuo Commento