Vivere in autostrada aumenta il rischio di morte per i sopravvissuti agli attacchi di cuore


Rispettiamo la tua privacy. LUNEDÌ, 7 maggio 2012 - Attenzione: vivere vicino a una strada principale aumenta il rischio di morte dopo essere sopravvissuto a un attacco di cuore.

Rispettiamo la tua privacy.

LUNEDÌ, 7 maggio 2012 - Attenzione: vivere vicino a una strada principale aumenta il rischio di morte dopo essere sopravvissuto a un attacco di cuore.

Ricerca condotta dall'unità di ricerca cardiovascolare presso il Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston e pubblicata nella rivista Circolazione dell'American Heart Association offre ulteriori prove che collegano l'esposizione stradale a lungo termine e un aumento del rischio di morte.

Sopravvissuti ad attacchi cardiaci che vivono a meno di 328 piedi (100 metri) da una strada - a circa un isolato - hanno un rischio maggiore del 27% di morire oltre 10 anni rispetto a quelli che vivono ad almeno 3.280 piedi (1.000 metri) dall'autostrada. Le strade includevano importanti strade statali e statali attraverso gli Stati Uniti. I ricercatori hanno utilizzato i dati del decennio di Determinants of MI (Myocardial Infarction) Study.

"Pensiamo che ci sia esposizione a una combinazione di inquinamento atmosferico vicino a queste strade e ad altre esposizioni, come rumore eccessivo o stress da vivere vicino alla carreggiata, che potrebbe contribuire ai risultati dello studio ", dice l'autore dello studio Murray A. Mittleman, MD, DrPH, in un comunicato dell'American Heart Association.

sopravvissuti ad attacchi cardiaci che vivono un po 'più lontano dalle principali strade di fronte a morte più alta anche i rischi, ma a percentuali minori. Le persone che risiedevano da 328 a 653 piedi da una carreggiata hanno visto un aumento del 19% nel rischio di morte, mentre quelle che vivono da 653 piedi a 3.277 piedi di distanza hanno avuto un 13% di probabilità in più di morire. Dei 1.071 decessi verificatisi durante il periodo di studio, la malattia cardiaca ha causato la maggioranza, il 63%. Altri sono morti per cancro (12 percento) o malattie respiratorie (4 percento).

Questa ricerca non è la prima a mettere in luce i rischi per la salute dell'inquinamento atmosferico. Ad aprile, uno studio della Harvard School of Public Health ha rilevato un'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico da particelle fini (il tipo che proviene da veicoli e centrali elettriche) può aumentare il rischio di ospedalizzazione per malattie polmonari, malattie cardiache, ictus e diabete tra gli adulti più anziani.

"Dal punto di vista della politica pubblica, l'associazione tra rischio di morte e prossimità di abitazioni a strade principali dovrebbe essere presa in considerazione quando sono pianificate nuove comunità", dice Mittleman nel comunicato.

Fattori di rischio You Can Control

Se vivete vicino a una grande carreggiata, Mittleman consiglia di diminuire il rischio assoluto che dovete affrontare affinando i fattori di rischio che potete controllare su una scala più piccola, secondo il comunicato. Se fumi, esci. Se mangi cibi grassi e fai poca attività fisica, acquisisci abitudini salutari. Dimagrisci la tua dieta e potenzia il tuo programma di esercizi per mantenere la pressione sanguigna e il colesterolo a livelli sani.

È simile al modo in cui prendersi cura di sé può ridurre il rischio genetico per le malattie cardiache. Inoltre, sostituendo la carne lavorata con tagli più snelli e cambiando alcune altre abitudini, certamente batte il trasferimento in un altro quartiere.

Per le ultime notizie e informazioni su come vivere uno stile di vita sano, segui @HeartDiseases su Twitter dagli editori di @EverydayHealth . Ultimo aggiornamento: 5/7/2012

Lascia Il Tuo Commento