I donatori di rene possono non affrontare un rischio più elevato di malattie cardiache


Rispettiamo la tua privacy.

Rispettiamo la tua privacy.

VENERDÌ 2 MARZO 2012 (notizie di HealthDay) - Le persone che donano un rene non appaiono Per affrontare un rischio più elevato di sviluppare malattie cardiache nella prima decade dopo la donazione, una nuova ricerca rileva

Ma poiché esiste ancora un rischio a lungo termine, gli autori dello studio consigliano un attento monitoraggio dei donatori per i segni di problemi cardiaci. > Data la comprovata evidenza di una forte associazione tra scarsa funzionalità renale e malattie cardiache, il gruppo di studio ha affermato che questa nuova osservazione dovrebbe fornire qualche rassicurazione ai futuri donatori che stanno per perdere mezzo rene nel processo.

I risultati appaiono online 2 marzo nella rivista

BMJ . La squadra comprendeva ricercatori provenienti dal Canada, dall'Australia e dagli Stati Uniti. Lo studio "aggiunge alla base di prove disponibili a sostegno della sicurezza della pratica tra donatori accuratamente selezionati", hanno detto gli autori in un comunicato stampa del giornale.

Per lo studio, Amit Garg, dell'Università dell'Ontario occidentale e del rene di Londra L'unità di ricerca clinica di Ontario, Canada e colleghi ha analizzato le cartelle cliniche di poco più di 2000 residenti canadesi che avevano donato un rene tra il 1992 e il 2009. Gli investigatori hanno anche esaminato i dati di oltre 20.000 non donatori sani per il confronto. > In media, il team ha monitorato la salute cardiovascolare della popolazione dei donatori per 6,5 anni, mentre le tendenze di rischio generali sono state conteggiate ancora più a lungo.

La funzione renale è stata ridotta tra i donatori, hanno trovato gli autori dello studio. Tuttavia, i donatori di reni sembravano presentare un rischio inferiore per la morte o l'insorgenza iniziale di una complicanza cardiaca maggiore rispetto ai non donatori.

Nessuna differenza apprezzabile nel rischio di un grave incidente cardiovascolare tra donatori e non- donatori.

L'età del donatore (al momento della donazione) sembrava non avere alcun effetto sul rischio di malattie cardiache, hanno scoperto gli investigatori. Gli autori hanno teorizzato che ciò è probabilmente dovuto al fatto che i donatori, per definizione, sono un gruppo relativamente sano di persone, e tipicamente si sottopongono a follow-up postoperatori di routine.

In un editoriale di accompagnamento, Sarah White, un ricercatore aggiunto all'Università del Michigan, ha detto che lo studio "fornisce un contributo importante alla nostra comprensione delle conseguenze a lungo termine della donazione di rene viventi." Ultimo aggiornamento: 3/2/2012

Lascia Il Tuo Commento