Chiavi per la cura delle malattie cardiache: comunicazione e fiducia


Rispettiamo la tua privacy. Se i pazienti sentono di aver avuto il tempo di chiedere domande e parlare con il loro dottore saranno più propensi a mantenere il loro piano di trattamento.

Rispettiamo la tua privacy. Se i pazienti sentono di aver avuto il tempo di chiedere domande e parlare con il loro dottore saranno più propensi a mantenere il loro piano di trattamento. Immagini piccolissime

Le persone con malattie cardiache possono fare meglio quando sentono di potersi fidare e parlare con il proprio medico, suggeriscono due nuovi studi.

In uno studio, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti cardiologici che ritenevano che i loro medici fossero buoni comunicatori erano più propensi a prendere l'aspirina e farmaci per abbassare il colesterolo. Erano anche meno probabilità di atterrare nel pronto soccorso.

Nell'altro studio, i pazienti erano più propensi a prendere i loro farmaci per la pressione del sangue se generalmente si fidavano della professione medica.

Non è un segreto che la comunicazione e la fiducia siano importanti qualsiasi rapporto medico-paziente, secondo il dottor Victor Okunrintemi, il ricercatore principale dello studio di comunicazione.

Ciò che non è chiaro è come queste cose influenzano la salute dei pazienti cardiaci, ha detto Okunrintemi, che ha sede a Baptist Health South Florida a Miami .

Le nuove scoperte, ha detto, non dimostrano che i medici possono tenere i loro pazienti fuori dal pronto soccorso essendo buoni ascoltatori.

CORRELATI: geni legati alla dimensione della pancia anche legati alla malattia cardiaca

"Noi non posso dire con certezza che se hai una buona comunicazione con il tuo medico, otterrai risultati migliori ", ha detto Okunrintemi.

Ma" ha senso ", ha aggiunto, che se i pazienti sentono di aver avuto il tempo di fare domande - e credere che il loro dottore li abbia ascoltati - saranno più propensi a restare con loro Il loro piano di trattamento

"Studi come questo implicano che possiamo migliorare i risultati dei nostri pazienti se possiamo essere migliori comunicatori", ha detto Okunrintemi.

Era previsto che presentasse i risultati lunedì ad una riunione dell'American Heart Association (AHA), in Arlington, Va.

I risultati si basano su interviste con oltre 6.800 pazienti con vasi sanguigni induriti (aterosclerosi), ovvero con placche che ostruiscono le arterie che li mettono a rischio di infarto o

Ai pazienti è stato chiesto di valutare quanto spesso il loro dottore abbia trascorso abbastanza tempo con loro, ha spiegato chiaramente le loro cure, ascoltato le loro domande e mostrato "rispetto" per ciò che avevano da dire.

Nel complesso, lo studio ha trovato , i pazienti che dicevano che i loro medici facevano di solito queste cose andavano meglio: avevano il 52 percento di probabilità in più di usare una statina per abbassare il colesterolo e il 26 percento di probabilità di prendere l'aspirina per frenare il loro rischio di infarto. anche il 41% in meno di probabilità di andare al pronto soccorso, e spesi meno in sanità - circa $ 1.200 in meno all'anno, in media

Naturalmente, i pazienti che comunicano bene con i loro medici possono differire dagli altri pazienti in molti modi, ha detto Okunrintemi. Ma, ha aggiunto, il suo team ha tenuto conto di alcuni di questi fattori - come il reddito dei pazienti e la salute generale

E la comunicazione era ancora importante.

Il secondo studio ha incluso 201 pazienti con pressione alta. La metà dei partecipanti allo studio era ispanica.

Questo studio è stato condotto da Lilia Meltzer, infermiera professionista dell'UCLA. I pazienti che generalmente si fidavano della professione medica prendevano i loro farmaci il 93% delle volte, contro l'82% dei pazienti meno fiduciosi.

Questi studi non dimostrano che la comunicazione o la fiducia, in particolare, hanno fatto la differenza , secondo il portavoce dell'AHA Dr. Nieca Goldberg. È direttore medico del Women's Heart Program al NYU Langone Medical Center di New York.

Tuttavia, Goldberg ha detto, è chiaro che la comunicazione è fondamentale - e, spesso, complicata.

Le informazioni mediche possono essere complicate, e i pazienti portano cose diverse al tavolo, ha sottolineato.

Alcuni arrivano armati di informazioni che hanno trovato online e un sacco di domande, ha detto Goldberg. Altri hanno una "cultura della salute" più bassa ", ha osservato, e potrebbe avere difficoltà a comprendere le informazioni che vengono fornite.

" Devi essere in grado di adattare ciò che stai dicendo all'individuo ", ha detto Goldberg. "È anche importante porre loro delle domande e ripetere ciò che dicono loro, per essere sicuri di capirle correttamente. Sii un ascoltatore attivo."

È anche utile non solo parlare, ma dare ai pazienti una scrittura semplice informazioni da portare a casa, ha detto Goldberg.

La professione medica sta prestando più attenzione all'arte della comunicazione rispetto a anni fa, sia Goldberg che Okunrintemi hanno detto. Le scuole mediche e i corsi di formazione medica continua si concentrano sempre più sulle capacità di comunicazione.

La "soddisfazione" del paziente, in generale, sta diventando sempre più importante, sottolinea Okunrintemi. Ora è un fattore di rimborso di Medicare agli ospedali.

I risultati presentati alle riunioni sono generalmente considerati preliminari fino a quando non vengono pubblicati in una rivista peer-reviewed. Aggiornato: 4/4/2017

Copyright @ 2017 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

Lascia Il Tuo Commento