Jennie Garth


Rispettiamo la tua privacy. Jennie Garth ha intrapreso una battaglia per tutta la vita contro le malattie cardiache. Non come un paziente, ma come un caregiver. Il padre di Garth, John, sviluppò per la prima volta problemi cardiaci verso la fine degli anni trenta, prima che lei nascesse.

Rispettiamo la tua privacy.

Jennie Garth ha intrapreso una battaglia per tutta la vita contro le malattie cardiache. Non come un paziente, ma come un caregiver.

Il padre di Garth, John, sviluppò per la prima volta problemi cardiaci verso la fine degli anni trenta, prima che lei nascesse. La sua famiglia ha offerto supporto attraverso ogni infarto, fallimento, procedura e recupero. Purtroppo, John è morto nel marzo 2008 all'età di 76 anni.

"È stato un lento deterioramento per mio padre", dice Garth. "Aveva un desiderio così forte di far parte della mia vita e delle mie figlie, e di non perdere nulla, ha combattuto davvero più a lungo di quanto penserebbe una persona normale."

La sua esperienza come badante e il suo rischio per le malattie cardiache la costringeva a condividere la sua storia. È una sostenitrice della campagna Go Red for Women dell'American Heart Association, che mira a porre fine alla percezione che la cardiopatia sia una malattia dell'uomo e a ridurre il numero di casi del 25 per cento. Ha preso una pausa dal lavoro sul set di 90210 per parlare con EverydayHealth.com e condividere la sua storia.

Salute quotidiana: quando è stato diagnosticato a tuo padre una malattia cardiaca?

Jennie Garth: Fu diagnosticato con sclerosi arteriosa o indurimento delle arterie, quando aveva 37 anni. Aveva un massiccio attacco cardiaco e subì un bypass quadruplo. Per il resto della sua vita, ha combattuto. Aveva molti diversi interventi chirurgici a cuore aperto, bypass, stent e palloncini - tutto quello che puoi immaginare.

Salute di tutti i giorni: tuo padre aveva solo 37 anni quando gli fu diagnosticato. È più o meno la tua stessa età, vero?

Jennie Garth: Compirò 37 anni quest'anno. Quando ho compiuto 30 anni, ho promesso di andare a vedere uno specialista del cuore perché sono geneticamente a rischio. Quindi, vado ogni anno per il mio compleanno. Nel far ciò, ho scoperto che ho quella che viene comunemente chiamata valvola che perde. Non avevo idea di aver avuto problemi. Pensavo di andare nello studio del dottore e lui diceva: "Oh, sei fantastico, non hai nulla di cui preoccuparti". Ma lui disse: "Bene, solo una piccola cosa: hai una valvola che perde". Ero tipo, "Cosa?"

Salute quotidiana: è una valvola che perde qualcosa su cui preoccuparsi?

Jennie Garth: La valvola che fa entrare e uscire il sangue dal mio cuore non si sta chiudendo correttamente, così a volte posso sentire il mio cuore svolazzare. È bello sapere perché ora posso tenerlo d'occhio.

Salute quotidiana: hai tre figlie. In che modo la tua esperienza ti ha influenzato come madre?

Jennie Garth: Sono molto più consapevole di ciò che le mie figlie stanno mangiando. Penso che mio padre sia cresciuto mangiando pancetta e un sacco di burro - un sacco di cibi ricchi di colesterolo e di sodio. Cerco di insegnare loro uno stile di vita sano. Penso che sia importante mantenere attivi i tuoi figli.

Salute quotidiana: Com'è stato crescere intorno a qualcuno con una malattia cardiaca?

Jennie Garth: Le malattie cardiache non riguardano solo la persona che ce l'ha. Colpisce tutta la famiglia. Vivevamo nell'Illinois nel freddo e il clima rigido, e quando abbiamo scoperto che mio padre aveva una malattia cardiaca, ci siamo spostati in un clima più mite. Ha sradicato la mia intera famiglia. La nostra intera vita riguardava "Come possiamo migliorare mio padre?" L'intera esistenza di mia madre era: "Come possiamo mantenerlo stabile e migliore, sano e forte?"

Salute quotidiana: qual è stato il tuo ruolo nell'aiutare a prendersi cura di tuo padre?

Jennie Garth: Bene, Ricordo quando ero in tarda adolescenza che mia madre doveva lavorare e non era in grado di prendersi cura di lui. Dovevo fare la vera e propria sostanza grintosa di prendermi cura di lui dopo una delle sue operazioni, che lui odiava. E poi, più tardi nella mia vita, quasi tutti i giorni riguardavano "Devo chiamare e fare il check-in". Mentre i miei genitori crescevano, sembrava che tutto andasse a pezzi. E 'stato un sacco per mia madre da gestire. Ho aiutato il più possibile, avendo anche tre figli a cui badare.

Dicevo sempre "Voglio che vengano a vivere con me". Mio marito e mia madre erano entrambi contrari. Era troppo, e avevo bisogno di prendermi cura dei bambini. Quindi, probabilmente, uno dei miei più grandi rimpianti nella vita non è stato riuscire a farlo. Ma sapevo nel mio cuore che era la cosa giusta.

Salute quotidiana: hai qualche consiglio per altri caregivers su come gestire il senso di colpa?

Jennie Garth: Vorrei averlo fatto. Sto vivendo con la colpa e la tristezza che non ho fatto di più. Ma ogni volta che pronuncio quelle parole, la gente dice: "Sei pazzo? Hai fatto così tanto". Per me, non si sentirà mai così. Immagino sia importante che tu ricordi che non puoi dare se non lo hai. Quindi, è importante dare a te stesso. Prenditi cura di te.

Salute di tutti i giorni: eri in quel ruolo di caregiver fin dalla tenera età che per te ora deve essere strano non averne di cui preoccuparsi.

Jennie Garth: Lo è. È come se mi mancasse qualcosa o mi sto dimenticando qualcosa tutto il tempo. Ma a causa della mia esperienza, sento che è mio dovere cercare di educare le donne sul loro rischio di malattie cardiache.

Salute quotidiana: perché le malattie cardiache sono il n. 1 killer di donne.

Jennie Garth: Giusto, e così tante donne non pensano di essere candidate alle malattie cardiache. Non l'ho fatto Non l'ho mai pensato come un problema femminile. L'ho pensato come un vecchio problema di grasso - sai, un tipo con una grande pancia che probabilmente fumava. Non è più così. Se hai una malattia cardiaca nella tua famiglia, 30 non è troppo presto per iniziare a controllare il colesterolo e pensare alle malattie cardiache.

Uno dei primi segnali per le donne sui trent'anni è che inizi ad aumentare di peso intorno all'area dello stomaco e intorno alle tue spalle. Questo è, stranamente, uno dei primi segni di individuazione per essere a rischio di malattie cardiache. Inoltre, ho un amico che pensava di avere l'ansia tutto il tempo. Risultò, a 39 anni, che era bloccata al 98% nelle arterie che portavano al suo cuore. Ha subito un bypass quadruplo.

Vedi tutte le interviste su My Life. Ultimo aggiornamento: 23/02/2009

Lascia Il Tuo Commento