Può essere troppo tardi per perdere peso, lo studio del mouse suggerisce


Rispettiamo la tua privacy. LUNEDI 4 marzo 2013 - La perdita di peso non può annullare universalmente il danno cardiaco causato dall'obesità, suggerisce nuove ricerche sui topi.

Rispettiamo la tua privacy.

LUNEDI 4 marzo 2013 - La perdita di peso non può annullare universalmente il danno cardiaco causato dall'obesità, suggerisce nuove ricerche sui topi. I ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine hanno scoperto che i topi più giovani sperimentavano un miglioramento maggiore della funzione cardiaca dopo aver perso peso rispetto ai topi più anziani che perdevano una quantità simile di peso, il che potrebbe significare che l'effetto protettivo della perdita di peso sul cuore è più forte per coloro che dimagriscono

Anche se i risultati sono nei topi, offrono indizi su ciò che gli scienziati dovrebbero cercare quando esplorano gli effetti dell'obesità e della perdita di peso sulla funzione cardiaca, dice l'autore dello studio senior Lili Barouch, MD, un cardiologo e assistente professore di medicina a Johns Hopkins.

"Non sto dicendo certo che se sei più vecchio e in sovrappeso, non preoccuparti, ma il risultato principale è che negli animali più giovani c'era più beneficio," Dr. Dice Barouch. "Più a lungo aspetti, diventa più difficile vedere i benefici."

Per lo studio, pubblicato nel Journal of Cardiovascular Translational Research , Barouch e colleghi mettono due gruppi di topi - un gruppo più anziano e un gruppo più giovane - con la stessa dieta ipocalorica. I topi più giovani avevano 2 mesi, paragonabili alla giovane età adulta negli umani; e i topi più grandi avevano un'età compresa tra 6 e 7 mesi, paragonabile alla mezza età.

Poiché hanno testato solo due gruppi di età del topo, i ricercatori non hanno determinato in quale fase del ciclo di vita la perdita di peso diventa meno vantaggiosa. Quindi non possono dire come la ricerca potrebbe applicarsi alle persone.

Come il peso e la perdita di peso cambiano il cuore

Studi precedenti hanno dimostrato che l'obesità può irrigidire il muscolo cardiaco - impedendo al cuore di rilassarsi correttamente, che deve fare per permettere al sangue di tornare nel cuore dopo averlo spremuto al resto del corpo, spiega Barouch. Il muscolo cardiaco può irrigidirsi nelle persone con pressione alta, malattia anormale del muscolo cardiaco e / o obesità. Se sei sovrappeso e hai questo problema, può portare a insufficienza cardiaca congestizia.

"Sono stato interessato a studiare l'obesità e le malattie cardiache da parecchio tempo", dice Barouch, "e volevo studiare come l'obesità influisce sulla funzione cardiaca oltre a essere correlata alla malattia coronarica: come influisce sul cuore in generale e su cosa le persone possono fare per aiutare a ridurre tali problemi, è il prossimo passo. "

Funzione diastolica normale - la parte del cuore ciclo in cui il muscolo cardiaco si sta attivamente rilassando per consentirgli di riempirsi di sangue - è stato ripristinato nei topi più giovani nello studio, e i depositi di grasso nelle cellule del muscolo cardiaco (chiamato steatosi miocardica) sono diminuiti. Nei topi più anziani, i livelli di stress ossidativo (danno da radicali liberi o danno cellulare) miglioravano, ma rigidità e depositi di grasso non scomparivano.

Inversione del danno cardiaco dall'obesità

Molti altri aspetti dell'obesità osservati in gli studi sui topi si applicano anche alle persone, dice Barouch, quindi ha senso che anche queste scoperte lo siano. "Le persone dovrebbero cercare di raggiungere il peso corporeo ideale e non dovrebbero aspettare più tardi", crede. "Non aspettare fino a quando non sviluppi problemi".

Potresti non notare o sentire rigidità del muscolo cardiaco o anormale rilassamento del cuore fino a quando non si fa male, Barouch aggiunge: "Si sentono bene fino a quando non diventa abbastanza grave da avere congestizia insufficienza cardiaca e potrebbe non essere più reversibile. "

Questo è quello che è successo a uno degli attuali pazienti di Barouch, William Wildberger, 52 anni, di Curtis Bay, Md. Wildberger non conosceva Barouch in ottobre quando gli fu diagnosticata una congestione insufficienza cardiaca. Quindi, con un peso di 370 sterline, si circondò di una buona squadra di medici, compreso il cardiologo Barouch e il suo medico di famiglia, e iniziò a fare uno sforzo per perdere peso. Ha iniziato con un programma di riabilitazione cardiaca di 36 visite e ora va in palestra sei giorni alla settimana, a volte due volte al giorno. Con i 60 chili che ha perso finora, Wildberger è vicino a invertire il diabete e riportare il suo cuore al ritmo normale, e non è più nell'insufficienza cardiaca.

"Perché aspettiamo così tanto che qualcosa di simile accada solo per iniziare a mangiare bene per farci stare bene, semplicemente non lo so", dice Wildberger, ma con ogni buco in più aggiunge alla cintura, è contento di averlo fatto.

Questo è il punto di partenza dello studio, afferma Barouch: "Prenditi cura di questi fattori di rischio prima che si trasformino in problemi importanti." Ultimo aggiornamento: 3/4/2013

Lascia Il Tuo Commento