Insonnia fortemente legata al rischio di insufficienza cardiaca


Rispettiamo la tua privacy. MERCOLEDÌ, 5 marzo 2013 - Difficoltà ad addormentarsi, mantenere il sonno o dormire bene potrebbe essere dannoso per il tuo cuore.

Rispettiamo la tua privacy.

MERCOLEDÌ, 5 marzo 2013 - Difficoltà ad addormentarsi, mantenere il sonno o dormire bene potrebbe essere dannoso per il tuo cuore.

Quanto più questi sintomi di insonnia hanno avuto, maggiore è il loro rischio di insufficienza cardiaca, riportano gli autori di un ampio studio di popolazione pubblicato nel European Heart Journal, una scoperta che supporta ricerche precedenti che collegano problemi di sonno e malattie cardiovascolari. > Utilizzando i dati sulla popolazione dello studio sulla salute Norweigan Nord-Trøndelag (studio HUNT), che ha classificato i problemi di salute pubblica per le persone di età compresa tra 20 e 89 utilizzando un questionario auto-somministrato, i ricercatori sono stati in grado di calcolare i fattori di rischio cardiovascolare per le persone che avevano insonnia. > Hanno scoperto che mentre l'insonnia non può causare insufficienza cardiaca, esiste un chiaro legame statistico tra il disturbo del sonno e la salute cardiovascolare.

"Non sappiamo se l'insufficienza cardiaca sia realmente causata dall'insonnia", ha detto il dott. Lars Laugsand, un post-dottore presso il Dipartimento di salute pubblica norvegese, in un comunicato stampa. "Ma se lo è, l'insonnia è una condizione potenzialmente curabile. La valutazione dei problemi del sonno potrebbe fornire ulteriori informazioni che potrebbero essere utilizzate nella prevenzione dell'insufficienza cardiaca. "

Lo studio HUNT, che comprendeva 54.279 persone, ha fornito la più grande dimensione del campione per qualsiasi analisi di insonnia e insufficienza cardiaca fino ad oggi. utilizzato per determinare che 1.412 persone che hanno preso il sondaggio sono stati diagnosticati con insufficienza cardiaca entro 11,3 anni di completamento.

I ricercatori hanno esaminato la percentuale di persone tra i 1.412 che hanno riportato diversi gradi di sintomi di insonnia, che è stata determinata da domande del sondaggio su quanto spesso hanno avuto difficoltà ad iniziare il sonno e mantenere il sonno, e quanto spesso sentivano che il loro sonno era "non ristoratore".

Le risposte a queste domande erano raggruppate in base al numero cumulativo di sintomi di insonnia per determinare i livelli di rischio di insufficienza cardiaca. Dopo essersi adattati per età e sesso, gli autori dello studio hanno scoperto che le persone che presentavano un sintomo di insonnia avevano un rischio di insufficienza cardiaca 1,17 volte maggiore rispetto a quelli che non avevano sintomi di insonnia.

Questo numero di rischio aumentava con il numero di sintomi di insonnia segnalati . Secondo lo studio, le persone con due sintomi presentavano un rischio quasi doppio (1,92) rispetto alle persone asintomatiche. E quelli con tre o più sintomi di insonnia hanno avuto più di un triplo aumento del rischio di insufficienza cardiaca (352 per cento), secondo il comunicato stampa.

"Abbiamo trovato che i sintomi di insonnia sono associati ad un aumentato rischio di (insufficienza cardiaca), "I ricercatori hanno scritto nello studio. "L'insonnia è una condizione frequente, facilmente riconoscibile e potenzialmente gestibile. Se i nostri risultati sono confermati da altri e la causalità è dimostrata, la valutazione dei sintomi dell'insonnia potrebbe avere conseguenze sulla prevenzione cardiovascolare. "Ultimo aggiornamento: 3/5/2013

Lascia Il Tuo Commento