Infiammazione potrebbe giocare un ruolo nella malattia di cuore


Rispettiamo la tua privacy. MERCOLEDÌ 14 MARZO 2012 (HealthDay News) - Una proteina coinvolta nell'infiammazione sembra giocare un ruolo nello sviluppo della malattia coronarica, una nuova ricerca indica .

Rispettiamo la tua privacy.

MERCOLEDÌ 14 MARZO 2012 (HealthDay News) - Una proteina coinvolta nell'infiammazione sembra giocare un ruolo nello sviluppo della malattia coronarica, una nuova ricerca indica .

La coronaropatia - nota anche come indurimento delle arterie - è causata dall'accumulo di placca nei piccoli vasi che forniscono sangue e ossigeno al cuore.

I nuovi risultati suggeriscono che i farmaci che prendono di mira la proteina interleuchina -6 recettore (IL6R) nel corpo potrebbe aiutare a prevenire la malattia coronarica. Uno di questi farmaci, il tocilizumab, è attualmente usato per trattare l'artrite reumatoide.

Gli articoli sono stati pubblicati online il 13 marzo The Lancet .

In un'analisi, i ricercatori hanno esaminato i dati di oltre 200.000 persone in 82 studi e ha scoperto che quelli con una variazione genetica di IL6R che attenua l'infiammazione aveva un rischio ridotto di malattie cardiache.

Per ogni copia ereditata della variazione genetica Asp358Ala, una persona aveva un rischio ridotto del 3,4 per cento di malattia coronarica. > "Questi risultati supportano l'ipotesi dell'infiammazione nella malattia coronarica e incoraggiano l'esplorazione della modulazione dei percorsi IL6R come mezzo per prevenire la malattia coronarica", hanno scritto i ricercatori del IL6R Genetics Consortium e della collaborazione con i fattori di rischio emergenti.

Nella seconda analisi , i ricercatori hanno esaminato i dati di oltre 133.000 persone in 40 studi e hanno trovato un rischio ridotto del 5% di malattia coronarica per ogni copia ereditata della variante Asp358Ala.

"Il blocco di IL6R potrebbe Un nuovo approccio terapeutico alla prevenzione della cardiopatia coronarica che garantisce i test in studi randomizzati opportunamente motorizzati ", hanno scritto i ricercatori con il consorzio di analisi di randomizzazione mendeliana IL6R.

" Collettivamente, questi risultati su larga scala e altamente coerenti danno un forte sostegno al concetto che l'inibizione delle vie infiammatorie è una strategia attraente per ridurre il rischio cardiovascolare ", Matthijs Boekholdt e Erik Stroes, dell'Academic Medical Center di Amsterdam, Paesi Bassi, hanno scritto in un editoriale di accompagnamento. Ultimo aggiornamento: 14/03/2012

Lascia Il Tuo Commento