Meno pazienti ospedalizzati per insufficienza cardiaca


Rispettiamo la tua privacy.

Rispettiamo la tua privacy.

MARTEDÌ 18 OTTOBRE (Notizie per i saluti giornalieri) - Nell'ultimo decennio il numero di pazienti Medicare ospedalizzati per insufficienza cardiaca è caduto Significativamente, i ricercatori segnalano

"Negli ultimi 10 anni, c'è stato un calo del 30 per cento del tasso di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca in tutti gli Stati Uniti", ha detto il ricercatore capo Dr. Chen Chen, un assistente professore di cardiologia a Yale Scuola universitaria di medicina. "Si tratta di un forte calo".

Il tasso più basso di ospedalizzazione è molto probabilmente dovuto a diversi fattori, ha detto Chen. Meno persone stanno sviluppando insufficienza cardiaca perché ci sono meno casi di malattie cardiovascolari, meno attacchi di cuore e un migliore controllo dei fattori di rischio come l'ipertensione. Inoltre, le persone che soffrono di insufficienza cardiaca ricevono cure ambulatoriali migliori, il che impedisce alle pazienti di diventare così gravi che il paziente deve essere ricoverato in ospedale, ha spiegato Chen.

"Indipendentemente dalla causa, un calo del 30% è sorprendente", Chen disse. "Ha salvato il sistema sanitario un bel po 'di soldi".

Nel 2008, il declino dell'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ha comportato il ricovero in ospedale di 229.000 persone in meno. Poiché ogni ospedalizzazione costa circa $ 18.000 per paziente, Medicare ha risparmiato $ 4,1 miliardi nel solo 2008, i ricercatori hanno scoperto.

Il rapporto è stato pubblicato nel 19 ottobre del Journal of American Medical Association .

Per lo studio, il team di Chen ha raccolto dati su oltre 55 milioni di pazienti Medicare ospedalizzati tra il 1998 e il 2008 per insufficienza cardiaca. Nell'arco dei 10 anni, l'età media dei pazienti cardiopatici ospedalizzati è aumentata da 79 a 79,9.

Inoltre, la percentuale di donne ricoverate è diminuita dal 58,7% al 55,7%. Tuttavia, la percentuale di pazienti neri ospedalizzati per insufficienza cardiaca è aumentata dall'11,3% nel 1998 all'11,7% nel 2008, i ricercatori hanno scoperto

Nel complesso, l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca è diminuita del 29,5% durante il periodo. Il calo dell'ospedalizzazione è stato osservato in tutti i gruppi, ma il declino è stato più basso tra gli uomini di colore, hanno notato gli autori dello studio.

Il tasso di declino delle ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca varia a seconda dello stato, secondo il gruppo di Chen. In 16 stati, il calo è stato superiore alla media nazionale. Il calo maggiore è stato registrato nel Vermont, ma nel Wyoming, nel Rhode Island e nel Connecticut il calo è stato significativamente inferiore alla media nazionale, secondo i ricercatori. Inoltre, i decessi a un anno dall'insufficienza cardiaca sono diminuiti anche dal 31,7% del 1999> al 29,6 percento nel 2008.

Il calo delle morti varia anche da stato, con quattro stati con un declino statisticamente significativo e cinque stati in cui le morti sono aumentate in modo significativo. I morti hanno oscillato da un minimo del 29,1% nel Maine a un massimo del 35,2% in Arizona, gli investigatori hanno scoperto.

Dr. Mihai Gheorghiade, direttore associato del Center for Cardiovascular Innovation della Northwestern University Feinberg School of Medicine e co-autore di un editoriale di accompagnamento, ha dichiarato che "lo studio è incoraggiante, ma abbiamo ancora un grosso problema con la mortalità e la morbilità".

"La buona notizia è che abbiamo la maggior parte degli ingredienti per migliorare i risultati", ha detto Gheorghiade.

L'insufficienza cardiaca, ha osservato, non è una malattia, ma è un trucco per diversi disturbi. Questi possono includere un problema con una valvola cardiaca, un muscolo cardiaco o arterie coronarie, spiegò Gheorghiade.

"Esiste una terapia specifica per diversi tipi di insufficienza cardiaca", ha detto.

Anche se ci sono meno persone in ospedale per il cuore fallimento, ci sono ancora troppe persone che soffrono della condizione e sono ricoverate in ospedale, ha detto Gheorghiade. "Il tasso è ancora molto alto", ha osservato.

Gheorghiade ritiene che questi numeri possano essere ulteriormente ridotti con una migliore aderenza alle linee guida sul trattamento e una migliore assistenza. "Se si applicano le linee guida, se si dà la terapia disponibile, c'è una grande speranza per un paziente con insufficienza cardiaca", ha detto.

Con l'invecchiamento della popolazione, ci saranno più persone che vivono con insufficienza cardiaca, aumentando il peso del sistema Medicare, ha aggiunto Gheorghiade. "Resta sintonizzato, perché questa condizione aumenterà, aumenterà, aumenterà, perché è legata all'età", ha detto. Aggiornato il: 18/10/2011

Copyright @ 2017 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

Lascia Il Tuo Commento