Sindrome da dumping dopo esofagectomia


Rispettiamo la tua privacy. L'esofagectomia, in cui viene rimosso tutto o parte dell'esofago, è un trattamento comune per quelli con cancro esofageo. Ma l'esofago svolge una funzione vitale: collega la bocca allo stomaco, permettendo al cibo di essere portato nel corpo.

Rispettiamo la tua privacy.

L'esofagectomia, in cui viene rimosso tutto o parte dell'esofago, è un trattamento comune per quelli con cancro esofageo. Ma l'esofago svolge una funzione vitale: collega la bocca allo stomaco, permettendo al cibo di essere portato nel corpo. Questa chirurgia del cancro può interrompere questo processo altrimenti liscio.

A causa di questa interruzione, molti pazienti sperimentano quella che viene chiamata sindrome da dumping, che può essere leggermente sgradevole nella migliore delle ipotesi o portare a perdita di peso e malnutrizione nel peggiore dei casi.

Cos'è la sindrome da dumping?

In un episodio di sindrome di dumping, cibo e liquidi "scaricano" nell'intestino tenue troppo rapidamente, senza essere completamente digeriti. Ciò innesca una risposta chimica nel corpo, irrigando l'acqua in eccesso nell'intestino e causando i sintomi della sindrome da dumping.

I sintomi possono includere:

Mal di stomaco e crampi

  • Capogiri o capogiri
  • Sensazione di nausea o generalmente malessere
  • Diarrea entro 20 minuti dal consumo
  • Sudorazione
  • Battito cardiaco accelerato
  • Effetti della sindrome da dumping

"La sindrome da dumping si presenta [spesso] in pazienti sottoposti a esofagectomia", spiega Wayne L. Hofstetter, MD, professore associato e direttore del programma di chirurgia esofageo presso l'Università del Texas MD Anderson Cancer Center. "Le ragioni di ciò non sono completamente chiare".

Nei pazienti affetti da cancro esofageo che hanno avuto una esofagectomia, la sindrome da dumping probabilmente si verifica in parte perché la loro "capacità di immagazzinare cibo è diminuita", afferma il Dr. Hofstetter.

Hofstetter stima che l'85% dei pazienti con esofagectomia sperimenterà alcuni episodi di dumping. La maggior parte di questi casi si risolverà entro pochi mesi dall'intervento. Una percentuale minore di pazienti - circa il 5 percento - potrebbe sperimentare un dumping "problematico" che è ricorrente e porta alla malnutrizione e alla perdita di peso.

"Una delle cose con cui abbiamo difficoltà dopo l'intervento chirurgico è la perdita di peso. Non vogliamo una perdita di massa muscolare ", osserva Hofstetter. Mentre la maggior parte dei pazienti sperimenta uno o due episodi di dumping senza effetti negativi, episodi ripetuti o frequenti possono portare a conseguenze più gravi sulla salute oltre a una minore qualità della vita, avverte Hofstetter.

"Se stai continuamente scaricando, tu" non trarre alcun beneficio dal cibo che stai mangiando ", dice. Questo perché il cibo si muove così rapidamente attraverso il corpo che non può ottenere i nutrienti di cui ha bisogno.

Gestione della sindrome da dumping

Per la maggior parte dei pazienti, la sindrome di dumping si concluderà durante il periodo di recupero. L'educazione sui cambiamenti della dieta e il cambiamento del comportamento aiutano a ridurre il numero di episodi, afferma Hofstetter.

Domande comuni su dieta e cancro

Tali cambiamenti includono:

Pasti alleggeriti.

  • Mangia da sei a otto piccoli pasti invece di uno o due pasti abbondanti al giorno. Pasti abbondanti significano che troppo cibo passa attraverso il tuo sistema, innescando la sindrome di dumping quando la quantità raggiunge l'intestino. Se devi consumare pasti leggermente più grandi, fagli fare colazione o pranzare invece di cenare. Evitare i grilletti.
  • Alcuni alimenti, specialmente quelli ricchi di grassi e carboidrati raffinati, hanno maggiori probabilità di provocare il dumping. "Stai lontano dal cibo spazzatura", consiglia Hofstetter. Pianificazione dei liquidi.
  • È ancora importante rimanere idratati, ma è una buona idea ridurre il consumo di liquidi con un pasto. I liquidi si aggiungono al volume che il tratto digestivo deve gestire. Masticare accuratamente.
  • Questo aiuta ad avviare il processo di digestione prima che il cibo raggiunga anche il tuo stomaco. "Alcune persone hanno problemi con la sindrome di dumping perché sono riluttanti a cambiare le loro abitudini ", afferma Hofstetter.

La maggior parte dei pazienti che seguono queste linee guida eviterà la sindrome da dumping. Tuttavia, Hofstetter riconosce che alcuni sperimenteranno ciò che egli chiama "colpi non meritati" - scaricando gli episodi che si verificano anche quando hai fatto tutto secondo le istruzioni del medico. Poiché il dumping può verificarsi anche tra le persone che non hanno subito interventi chirurgici come l'esofagectomia, alcuni di questi eventi potrebbero semplicemente essere inevitabili.

"Finché si verificano meno di una volta alla settimana, non è un problema grave", afferma Hofstetter.

Quando la sindrome da dumping è un problema

"La qualità della vita attesa dopo l'esofagectomia è molto alta", dice Hofstetter. La maggior parte dei pazienti che presentano una sindrome da dumping ripetuta può essere in grado di ottenere sollievo dai farmaci e dall'integrazione nutrizionale.

Come regola generale, se la qualità della vita è compromessa da eventi come la sindrome da dumping, è importante che lo comunichi al medico e al nutrizionista che puoi lavorare insieme per sviluppare una strategia per la gestione della sindrome da dumping. Hofstetter sottolinea che far conoscere ai tuoi medici i tuoi sintomi è la chiave per il tuo recupero. Aggiornato: 15/02/2011

Lascia Il Tuo Commento