I batteri dell'intestino possono prevenire il diabete di tipo 1


Rispettiamo la tua privacy. VENERDI, 18 gennaio 2013 - I ricercatori hanno trovato un modo improbabile per bloccare sviluppo del diabete di tipo 1 nelle femmine - esponendole ai batteri del tratto gastrointestinale dei maschi.

Rispettiamo la tua privacy.

VENERDI, 18 gennaio 2013 - I ricercatori hanno trovato un modo improbabile per bloccare sviluppo del diabete di tipo 1 nelle femmine - esponendole ai batteri del tratto gastrointestinale dei maschi. Ma trasformare questa scoperta in un trattamento efficace è incerta e molto lontana dal momento che le femmine ei maschi in questione erano topi, non uomini o donne.

I risultati, pubblicati giovedì in Scienza , suggeriscono che l'esposizione ai normali batteri del tratto gastrointestinale nelle prime fasi della vita può anche proteggere contro altre malattie autoimmuni, come la sclerosi multipla, l'artrite reumatoide, il morbo di Crohn, il lupus e persino le allergie e l'asma. Complessivamente, si aggiungono a un crescente corpo di ricerca che suggerisce che l'uomo possa trarre beneficio dai batteri, la cosiddetta "ipotesi igienica".

"I nostri risultati suggeriscono potenziali strategie per l'utilizzo di normali batteri intestinali per bloccare la progressione del diabete insulino-dipendente bambini che hanno un alto rischio genetico ", ha detto la ricercatrice principale Jayne Danska, PhD, in una versione dell'Associazione Helmholtz dei centri di ricerca tedeschi in Germania.

I ricercatori, dell'Ospedale per bambini malati di Toronto - in collaborazione con autori dell'Università del Colorado di Denver, del Centro Helmholtz di Lipsia, in Germania, e dell'Università di Berna in Svizzera - scoprirono anche che il sesso ha un ruolo nell'equazione.

"Era completamente inaspettato scoprire che il sesso di un animale determina gli aspetti della loro composizione del microbo intestinale, che questi microbi influenzano i livelli degli ormoni sessuali e che gli ormoni a loro volta regolano una malattia immuno-mediata ", ha detto anche il dott. Danska.

Lo studio aggiunge il supporto al" hygie " ne ipotesi. "Se non hai mai sentito parlare dell'ipotesi dell'igiene, va in questo modo: i bambini che incontrano animali o bambini al di fuori delle loro famiglie nella prima fase della vita beneficiano dell'esposizione a una varietà di microbi - costruisce il loro sistema immunitario . Con la modernizzazione della società, tuttavia, anche gli sforzi per disinfettarlo. L'ipotesi dell'igiene suggerisce che il sistema immunitario mal costruito potrebbe essere più incline a reagire in modo eccessivo e produrre reazioni allergiche a sostanze estranee, come il polline.

Sono stati condotti studi multipli sull'argomento. Uno pubblicato nel 2012 ha scoperto che i bambini che crescono in Amish in Svizzera, che vivevano nelle fattorie, avevano meno asma e allergie rispetto ai bambini svizzeri che non crescevano in una fattoria.

Ma non tutti gli esperti comprano la teoria - almeno, non come l'unica causa dell'aumento delle allergie riscontrate negli ultimi decenni, per esempio.

In un rapporto del 2012 dal Forum scientifico internazionale sull'igiene domestica (IFH) nel Regno Unito, gli scienziati hanno affermato che la causa è più complicata di così. L'esposizione microbica ha un ruolo nella regolazione del sistema immunitario, hanno scritto, ma i piani di disinfezione da soli non ci rendono più vulnerabili alla febbre da fieno e alle allergie. Credere che possano avere conseguenze pericolose

Che tu creda o meno all'ipotesi dell'igiene, i risultati di questo studio più recente lasciano spazio all'ottimismo: i ricercatori sperano che approcci simili possano un giorno essere applicati per prevenire e curare le malattie autoimmuni negli esseri umani.

"Non sappiamo ancora come il trasferimento di microbi intestinali maschili nelle femmine aumenti il ​​loro testosterone, o come questo processo protegga contro l'autoimmunità", ha detto Danska. "Questo studio apre una nuova arena di ricerca per esplorare la clinica potenziale di alterazione della comunità dei microbi intestinali per prevenire o trattare le malattie immuno-mediate. "

PHOTO CREDIT: CMSP / Getty Images Ultimo aggiornamento: 18/01/2013

Lascia Il Tuo Commento